Type to search

Come richiedere un anno sabbatico: requisiti

Condividi

Stanchi e stressati della vita lavorativa? pensate che una vacanza sia l’unica soluzione per ricaricare le pile? di sicuro non siete l’unici a pensarci. Prendersi un anno sabbatico è il sogno di tantissimi italiani e in questa guida vedremo come chiederlo e tutte le modalità previste.

Anno sabbatico come funziona

L’anno sabbatico, anche se può sembrare inconsueto e stravagante, in realtà è un interruzione dell’attività lavorativa tutelata dalla legge. Secondo la legge n.53 del 2000 infatti, l’anno sabbatico è un periodo di assenza dalla normale attività lavorativa non retribuita, dove al termine del quale si potrà riprendere il proprio posto di lavoro a tutti gli effetti. Durante questo anno di assenza si potrà viaggiare, imparare una seconda lingua o realizzare altri desideri nascosti. Ovviamente questo è un privilegio che non tutti potranno usufruire.

Innanzitutto si parla soltanto di lavoratori dipendenti, in possesso, quindi, di un contratto di lavoro subordinato (perciò sono esclusi i liberi professionisti e tutti gli altri in possesso della partita IVA). Secondo requisito fondamentale è l’aver maturato almeno 5 anni di anzianità presso la stessa azienda. Rispettati questi requisiti, si potrà richiedere l’anno sabbatico dando un preavviso di 30 giorni e presentando un progetto nel quale si dovranno specificare non solo i motivi della richiesta, ma anche i possibili vantaggi che potrà usufruire l’azienda. Il datore di lavoro a sua volta potrà rifiutare il progetto, rinviarlo o dividerlo in più periodi. Il periodo di assenza può durare fino ad un massimo di 11 mesi durante il quale non si potranno versare contributi. Coloro i quali, infine, avranno maturato 8 anni di anzianità potranno chiedere l’anticipo del TFR per sostenere adeguatamente le spese del progetto.

Anno sabbatico cosa fare

Ora arriva invece il momento migliore, ovviamente. Dopo aver presentato il progetto e aver ricevuto l’accettazione dello stesso, non vi resta che decidere dove andare e cosa fare durante questi 11 mesi. La prima cosa che viene in mente è un viaggio in uno dei paesi tropicali dove il clima è sempre intorno ai 20/25 gradi. Il paradiso delle Antille è sicuramente da prendere in esame, cosi come le splendide isole Cook.

La cosa più importante però, è saper organizzare un viaggio senza dover spendere un patrimonio, visto anche il lungo periodo che prevederà la vacanza. In questa guida mostriamo quindi come organizzare una vacanza low cost. Le idee su dove andare e cosa fare possono essere infinite, l’importante è avere il coraggio di mettersi lo zaino in spalla e partire. Buon anno sabbatico!

Tags:

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.